Algoritmi di tracciamento per un Active Target in fisica nucleare.

Scomparin L. per la Collaborazione NUCLEX

Comunicazione
I - Fisica nucleare e subnucleare
Aula Palazzo dell'Emiciclo - Sala Ipogea - Martedì 24 h 09:00 - 12:00
» Download abstract

L'utilizzo di un bersaglio che funga anche da rivelatore (Active Target) fornisce vantaggi in termini di luminosità e risoluzione energetica per lo studio di reazioni nucleari a bassa energia. Questo approccio risulta fondamentale per sfruttare fasci di bassa intensittà $(10^2 - 10^3$ pps) come quelli esotici che saranno prodotti a SPES. In questo contributo verranno discussi i risultati preliminari della campagna del Dimostratore di ACTAR svoltasi presso i LNS a febbraio 2019. Verranno descritti gli algoritmi di analisi delle reazioni indotte da un fascio di ${}^{11}B$ a 32 MeV su $iC_{4}H_{10}$, utilizzando la trasformata di Hough per la ricostruzione degli eventi fisici.

Società Italiana di Fisica - Via Saragozza 12 40123 Bologna P.IVA 00308310374 | credits