Utilizzo della microspettroscopia Raman per valutare la sensitività di cellule umane mammarie normali esposte ad un fascio di protoni a dosi cliniche.

Lasalvia M., Perna G., Capozzi V.

Comunicazione
V - Biofisica e fisica medica
GSSI Ex ISEF - Aula B - Giovedì 26 h 09:00 - 12:30
» Download abstract

Tra le diverse tecniche di radioterapia, la proton-terapia si è rivelata molto efficace per il trattamento di diversi tipi di cancro, poiché il tessuto sano risulta meno esposto al fascio di radiazione ionizzante rispetto alla radioterapia convenzionale con elettroni e fotoni. Recentemente, la proton-terapia è stata proposta per il trattamento del cancro al seno. Lo studio $in vitro$ di cellule mammarie umane normali irradiate con protoni può fornire informazioni sulla risposta cellulare alla radiazione. In questo studio abbiamo indagato, mediante micro-spettrocopia Raman, gli effetti conseguenti all'esposizione di cellule mammarie umane normali MCF10A a diverse dosi di fasci di protoni. Lo scopo di questa indagine è di rilevare effetti indesiderati, a carico di cellule sane, conseguenti al trattamento con protoni e di indagare la possibilità di monitorarli e di valutare la sensibilità cellulare mediante la tecnica Raman. I risultati ottenuti sembrano indicare una sensibilità piuttosto significativa delle cellule MCF10A all'irradiazione di protoni. Infatti, anche a basse dosi, quali 0.5 Gy, gli effetti biologici sono chiaramente rilevabili negli spettri Raman. In particolare, l'analisi raziometrica degli spettri Raman ha mostrato che il danno al DNA/RNA aumenta con il tempo, suggerendo che la maggior parte delle cellule non è in grado di riparare i legami relativi al DNA/RNA che sono stati danneggiati dal fascio di protoni. I risultati ottenuti dall'analisi della spettroscopia Raman mostrano un trend simile a quelli ottenuti mediante analisi radiobiologiche comunemente utilizzate (come MTT, dosaggio clonogenico, senescenza, apoptosi e necrosi). I risultati di questo studio suggeriscono fortemente la possibilità che la tecnica Raman possa essere utilizzata per identificare i marcatori molecolari che prevedono la risposta alle radiazioni.

Società Italiana di Fisica - Via Saragozza 12 40123 Bologna P.IVA 00308310374 | credits